Ristorante
Ristorante KEKO

Vela Rava, Marinica
23283 Otok Rava

Tel: 00 385 (0)23 372 831
Cell: 00 385 (0)95 9025-733
E-mail: nikola.bobic@xnet.hr

Ristorante Keko


      VELA RAVA
Vela Rava è il centro principale dell’isola con la vecchia scuola, la chiesa, il negozio d’alimentari, l’ufficio postale ed il campo di calcio dove da decenni il 15 d’Agosto, festa del patrono del paese, si svolgono le giostre tradizionali. La baia a mare è circondata da una strada che la collega all’insenatura successiva “Grbacina”, protetta da piante di palme, nespoli, pini, ricca di panchine per la sosta, è il luogo ideale per rilassanti passeggiate serali.

Sulla riva ci sono il molo per l’ormeggio dei traghetti, l’ufficio postale, il piccolo negozio d’alimentari e di fronte il nostro ristorante. In fondo alla baia lo scivolo a mare in cemento, luogo di ritrovo per le barche che necessitano di manutenzione, la grossa cisterna, interrata, per la raccolta dell’acqua piovana. Due le strade per accedere al vecchio paese che sovrasta la baia, la più antica in fondo alla baia ed una più recente e meno impervia che parte dietro il molo dei traghetti.

Otok Rava

IL VILLAGGIO
Si trova sulla cima della collina che sovrasta la baia di “Marinica”. Ha tutte le caratteristiche di un vecchio borgo Dalmato. Le case con i muri in pietra sono organizzate in piccoli gruppi e portano ancora i nomi delle famiglie dei vecchi proprietari. Nel villaggio c’è l’unica piazza di Rava “Kolesce”, famosa per essere il “ centro del mondo”. Nel mezzo della piazza un cerchio, dove una volta cresceva un albero di gelso e dove le vecchie leggende raccontano dei paesani che versavano il vecchio olio d’oliva per poter far girare meglio il mondo.

Quando ci si ferma in questo cerchio e si chiudono gli occhi, davvero avrete l’impressione di essere in cima al mondo. Nella parte più alta del paese si trova il vecchio oleificio “Torkul”, dove ancora oggi si spremono le olive e si produce dell’ottimo olio d’oliva. Ancora più in alto la chiesa della Madonna con annesso il cimitero e la vicina scuola, una volta piena di scolari, oggi solo un ricordo dei vecchi tempi.